Giro d'Italia

Il Giro d’Italia è a Giovinazzo. Tutto pronto per il via della ottava tappa

Depalma: «La città dia prova di maturità. No assembramenti»

Altri Sport
Giovinazzo venerdì 09 ottobre 2020
di La Redazione
Il monumento al Giro d'Italia
Il monumento al Giro d'Italia © n.c.

Da piazza Vittorio Emanuele, verso il lungomare Marina Italiano per poi immettersi sulla ex statale 16 alla volta di Vieste. È questo l’itinerario cittadino che i ciclisti del Giro d’Italia, affronteranno domani mattina dalle 11,30 per la 103esima edizione della corsa rosa. Sulla linea dello start anche il riconfermato presidente della Regione, Michele Emiliano. Ma già da oggi pomeriggio il clima della più importante gara ciclistica a tappe italiana si scalderà con l’arrivo della carovana rosa e l’allestimento del villaggio in piazza Vittorio Emanuele, da cui prenderà il via la l’ottava tappa del Giro. Nella stessa piazza è già possibile ammirare la scultura in ferro realizzata e donata dal maestro Giovanni Ventura che raffigura un ciclista impegnato nello scatto della pedalata, che si trasforma in una rastrelliera. La scultura, alla fine del Giro d’Italia, sarà collocata davanti all’ingresso della Cittadella della Cultura di Giovinazzo.
Come eventi di accompagnamento alla tappa giovinazzese, il Comune ha organizzato per questa sera alle 19 in piazza Sant’Agostino, l’inaugurazione delle «Pietre d’inciampo» sulla Green way cittadina. Tre luoghi dove saranno scoperte altrettante targhe commemorative dedicate a giovani che hanno perso la vita a causa di incidenti stradali. Più tardi alle 20, nella sala San Felice, sarà presentato il libro «Concatenati. Vite in bicicletta» scritto da Agostino Picicco per i tipi della Secop edizioni. L’evento, sarà moderato e introdotto da Raffaella Leone, e vedrà la partecipazione di Paolo Bettini, ex ct della nazionale di ciclismo e campione olimpico, di Cristina Piscitelli, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Giovinazzo, e Mario Sicolo, giornalista, direttore della collana «Sotto i Riflettori della Parola». La chiusura degli eventi legati al Giro d’Italia, sarà affidata allo spettacolo musico-teatrale «Banda&Friends» a cura della scuola comunale musicale «Filippo Cortese» di Giovinazzo sponsorizzato da Lugo Terminal.
Nello stand del Comune, allestito all’interno del villaggio rosa, sarà esposto un vestito realizzato da Maria Rosaria Bellapianta che frequenta la scuola «Amerigo Vesspucci» di Molfetta, settore moda, che rappresenta la tappa Giovinazzo – Vieste. Il vestito è caratterizzato da elementi paesaggistici come il mare giovinazzese e i monti del Gargano, ma elemento principale è lo skyline della città di Giovinazzo. Nella parte centrale, invece, sono rappresentati ciclisti stilizzati che percorrono la tappa pugliese. «Quello che chiedo alla mia città è di dimostrare maturità e rispetto delle regole - ha dichiarato il sindaco Tommaso Depalma - Gli assembramenti sono assolutamente vietati, per cui invito gli spettatori a sistemarsi sul Lungomare di Ponente, dove c’è spazio per tutti, e dove sfileranno tutti i ciclisti. Chiederò direttamente agli organizzatori che la classica passeggiata avvenga il più lentamente possibile per permettere al pubblico di poter vedere e applaudire i propri beniamini visto che quest’anno, per via del Covid, non sarà possibile avvicinarli all’interno del villaggio».

Lascia il tuo commento
commenti