Calcio a 5, alle 16 al PalaPansini

Immacolata con il Giovinazzo C5, i biancoverdi sfidano il Canosa

L'ex José David: «Siamo carichi». Esordio per João Pedro Guandeline, tornano a disposizione Depalma e Morgade

Altri Sport
Giovinazzo sabato 08 dicembre 2018
di La Redazione
Giovinazzo C5, José David
Giovinazzo C5, José David © Nc

Nel giorno dell’Immacolata il Giovinazzo C5 scenderà in campo alle 16 PalaPansini contro l’Apulia Food Canosa, reduce da tre affermazioni consecutive, che l’hanno portata a -2 dal quinto posto del girone F di serie B. Ma la gara avrà un sapore particolare per la presenza di un ex di turno, lo spagnolo José David Galiando Pozo, giunto in rossoblu nell’estate del 2015 e rimastoci per un biennio.

«Sicuramente sarò emozionato - ammette il laterale biancoverde -, ma siamo davvero carichi. Contro questa Apulia Food Canosa non sarà affatto una partita facile ma c’è la voglia di riprendere a vincere e portare questi tre punti a casa». Tre punti che, sulla ruota di Giovinazzo, mancano da oltre un mese (l’ultimo successo risale al 3 novembre scorso, 7-4 all’Alma Salerno). E per ottenerli servirà anche l’apporto dei tifosi: «Il calore dei giovinazzesi per noi è molto importante – prosegue José David -. Conosciamo l’affetto della gente e sappiamo che è fondamentale per darci la giusta carica e andare avanti in maniera importante in questa stagione».

Il tecnico Roberto Chiereghin, che ha recuperato i vari Depalma e Morgade, potrà schierare anche l’ultimo arrivato João Pedro Guandeline: «Certo, siamo più coperti, soprattutto in difesa – è l’analisi di José David – ma non ancora al completo perché manca Sabater», compagno d’avventura proprio a Canosa di Puglia. I ricordi in rossoblu, però, dovranno lasciare spazio alla concentrazione del match: «Sì, con l’Apulia Food ho vissuto una gran bella esperienza calcistica, abbiamo raggiunto i play-off e conservo ancora tante amicizie, ma il mio presente è il Giovinazzo: darò il massimo per questa società – conclude - perché sono fiero della maglia che indosso».

Lascia il tuo commento
commenti