Tra Belli e Trilussa, i sonetti ‘teatrali’ di Cesare PASCARELLA (parte seconda)

a cura di Franco Martini Poesie antivirali
Giovinazzo - lunedì 11 ottobre 2021
Roma: Trastevere
Roma: Trastevere © Archivio Mino Ciocia

IO... E L'ASINO MIO
'Na vorta 'no scurtore de cartello,
Dopo fatto un Mosè ch'era un portento,
Je disse: «Parla!» e lì co' lo scarpello
Scorticò sur ginocchio er monumento.

Io pure mo ch'ho fatto st'asinello
Provo quasi l'istesso sentimento;
Ma invece d'acciaccallo cór martello
Lo licenzio co' sto ragionamento:

Fratello! In oggi, ar monno, senza ciarla,
Starai male dovunque te presenteno,
Dunque, per cui, si vôi fa' strada, parla.

E parla!, ché si parli, sur mio onore,
Cór fisico che ci hai, come te senteno,
Si tu parli, te fanno professore

LA TRAGEDIA
Fanno ar Quirino 'na tragedia in prosa
Che si la vedi, fio, te fa terrore.
Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
Ma er fatto proprio, è tutta un'antra cosa.

C'è er prim'omo ch'è l'asso! L'amorosa
Quanno che parla te commove er core,
E c'è er tiranno che ar terz'atto more,
Perché la prima donna nu' lo sposa.

C'è un assarto: uno solo contro sei,
C'è l'amoroso che diventa matto,
E c'è 'na guerra tra cristiani e ebrei.

Ma c'è la chiusa poi dell'urtim'atto,
Quanno che lui s'ammazza e ammazza lei,
Che, te dico, m'ha proprio soddisfatto.

L'ALLUSTRASCARPE FILOSOFO
So' trentanni che fo sta professione,
   E ancora, graziaddio! nun so' mai morto;
   So' vecchio, ar cammina' cammino storto,
   Eppure, sarv'ognuno, sto benone.

La notte me rintano in d'un portone;
   E la matina appresso, quanno sòrto,
   Omina bona mea mècume porto
   E me rimetto qui su sto cantone.

Si abusco, quer ch'abusco me lo magno;
   Si nun abusco, e me succede spesso,
   Me fumo quattro mózze7 e nun me lagno.

Ma si l'incasso supera er valore
   De quello che me serve, er giorno appresso
   Chiudo bottega e vado a fa' er signore.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti