Tra Belli e Trilussa, i sonetti ‘teatrali’ di Cesare PASCARELLA (parte prima)

a cura di Franco Martini Poesie antivirali
Giovinazzo - domenica 10 ottobre 2021
Roma: il Fontanone
Roma: il Fontanone © Archivio Mino Ciocia

L’UOVO DI COLOMBO (da “La scoperta del’America”)

Ma che dichi? Ma leva mano, leva!
     Ma prima assai che lui l’avesse trovo,
     Ma sai da quanto tempo lo sapeva
     Che ar monno c’era puro er monno novo!

E siccome la gente ce rideva,
     Lui sai che fece un giorno? Prese un ovo,
     E lì, in presenza a chi nun ce credeva,
     Je fece, dice: — Adesso ve lo provo.

E lì, davanti a tutti, zitto zitto.
     Prese quell’ovo e, senza comprimenti,
     Pàffete! je lo fece aregge’ dritto.

Eh!, ner vede’ quell’ovo dritto in piede,
     Puro li più contrarî più scontenti,
     Eh, sammarco!, ce cominciorno a crede’.

 

'NA PREDICA DE MAMMA

L'amichi? Te spalancheno le braccia
Fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
Ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
Te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e sta vitaccia
Nu' la conoschi; ma quanno sarai
Più granne, allora te n'accorgerai
Si a sto monno c'è fonno o c'è mollaccia.

 

No, fio mio bello, no, nun so' scemenze
Quer che te dice mamma, sti pensieri
Tietteli scritti qui, che so' sentenze;

Che ar monno, a sta Fajola d'assassini,
Lo vòi sapé' chi so' l'amichi veri?
Lo vòi sapé' chi so'? So' li quatrini.

ER CORTELLO

Ar mio, sopra la lama ch'è rintorta
   C'è stampata 'na lettra cór un fiore;
   Me lo diede Ninetta che m'è morta
   Quanno che me ce méssi a fa' l'amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: - Si m'avrai da da' er dolore
De dimme che de me nun te n'importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. -

E da quer dì che j'arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa' bisboccia,
Si be' che ci abbi tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l'ho in saccoccia.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti