Poesie di Antonio de Curtis, in arte Totò (tra solare sentimentalismo e rassegnata protesta sociale) parte prima

a cura di Franco Martini Poesie antivirali
Giovinazzo - venerdì 23 luglio 2021
Totò
Totò © Archivio Mino Ciocia

     'A vita

'A vita è bella, sì, è stato un dono,
un dono che ci ha fatto la natura.
Ma quanno po' sta vita è na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?

E nun parlo pe me, ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbuscà ‘na mille lire.
Tengo 'a salute, e, non faccio per dire,
songo uno e’ chille ca se fire e’ fà .

Ma quante n'aggio visto e’ disgraziate:
cecate, ciunche, scieme, sordomute;
gente ca nun ha visto e maie avuto
nu poco e’ bbene a chesta umanità .

Guerre, miseria, famme, malatie,
  cristiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c' 'o culo a la fossa.
Chisto nun è nu dono, è 'nfamità .

     '0 sole

Io songo nato addò sta e’ casa 'o sole.
'0 sole me cunosce 'a piccerillo;
'o primmo vaso 'nfronte - ero tantillo -
m'ha dato quanno stevo int' 'o spurtone*. [culla di vimini]
E m'ha crisciuto dint' 'e braccia soje,
scanzànname a malanne e malatie.
'0 sole, 'o sole... è tutt' 'a vita mia...
io senza 'o sole nun pozzo campà .

     Riflessione

'A verità vurria sapè: che simme
'ncopp' a sta terra e che rappresentamme?
Gente ‘e passaggio, furastiere simme;
quanno s'è fatta ll'ora, ce ne jamme.

     All'intrasatta* [All’improvviso]

L'ammore è ‘na jurnata e’ sole
ca schioppa all'intrasatta dint' 'o core.
E 'o sole mio si tu!...
Schiuppanno* all'intrasatta dint' 'a stu core  [scoppiando]
he dato vita nova a chesta vita;
l'essenza profumata e’ ‘na viola
e ll'uocchie appassiunate e’ Margarita.

     ‘A vita è ingiusta

'A vita è ingiusta pecchè è fatta a scale.
Ognuno sta piazzato a ‘nu scalino,
ma sti scalini nun sò tutte eguale:
sò state predisposte da 'o destino
ch'ha regolato chest’umanità.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti