Trattare le malattie mirando alle basi genetiche

Dario Sannino Salute, Benessere e Ricerca
Giovinazzo - domenica 11 aprile 2021
Geni
Geni © n.c.

Causa Covid-19, molti oggi confondono la tecnologia vaccinale a base mRNA con la Terapia Genica. Cosa è esattamente la Terapia Genica? Come funziona?

Ne parliamo col dott. Dario Sannino che ha lavorato in Olanda come Sr. Quality Manager in un centro di eccellenza per la produzione di medicina personalizzata a base di Terapia Genica e Cellulare.

COME FUNZIONA LA TERAPIA GENICA?

“Tra le diverse terapie avanzate e di precisione, la terapia genica è una delle prime ad essere state ideate e ha l’obiettivo di trattare una patologia mirando direttamente alle sue basi genetiche.

Il concetto base di questa strategia terapeutica è di fornire all’organismo una copia corretta del gene difettoso o un altro gene che possa compensarne il malfunzionamento nelle cellule colpite dalla malattia. 

 Esistono due principali modalità di somministrazione per la terapia genica: 

  • in vivo: il “gene terapeutico” viene somministrato direttamente nell’organismo del paziente, mediante un’iniezione per via locale (organo bersaglio) o per via sistemica (nella circolazione sanguigna);
  • ex vivo: la correzione avviene all’esterno dell’organismo del paziente. Infatti, le cellule bersaglio vengono prelevate dal paziente, modificate geneticamente, e reintrodotte nel paziente stesso. 

Per veicolare il “gene terapeutico” all’interno delle cellule o dell’organismo si utilizzano generalmente dei vettori virali: ad oggi i più utilizzati sono i vettori virali adeno-associati (AAV).

Il potenziale della terapia genica è di enorme portata poiché potrebbe rappresentare una cura per tutta una serie di gravissime malattie per cui oggi non esistono valide opzioni terapeutiche o che richiedono terapie croniche. Ad oggi la ricerca nell’ambito della terapia genica spazia dalle malattie genetiche, in particolar modo quelle rare, al cancro, passando per le malattie autoimmuni e le malattie infettive.

Il concetto di terapia genica nasce alla fine degli anni ‘80 con le nuove tecniche del DNA ricombinante che permettono di costruire pezzi di DNA contenenti sequenze geniche desiderate.

Ma è solo negli ultimi anni, con il sequenziamento del genoma e l’avanzare delle biotecnologie, che si sono cominciati a vedere i primi importanti risultati nelle sperimentazioni sull’uomo e le prime terapie geniche autorizzate dall’European Medicines Agency (EMA) in Europa e della Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti”.

In questo ambito l’Italia ha una posizione di eccellenza a livello internazionale: sono diverse le terapie avanzate frutto di ricerche all’avanguardia “made in Italy”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosalba Piscitelli ha scritto il 11 aprile 2021 alle 16:53 :

    Hello,my name is Rosalba I’m a 68 year old and I have a very rare disease called necrotizing autoimmune myopathy.I live in Portland Oregon USA and I have been treated with IVIG with no good results.I would like to know if there is anything else that I could try to see if I can get a little bit of relief.I’m very weak and can’t walk without help.Best regards.Rosalba Piscitelli. Rispondi a Rosalba Piscitelli