Musica

"Suavecito", boom su YouTube per il video del giovinazzese Alex Barbo

Il primo inedito dell'artista 24enne: «La passione per la musica ce l'ho sin dalla nascita. Ora il mio sogno è incidere un disco»

Spettacolo
Giovinazzo sabato 08 settembre 2018
di Savio Magrone
"Suavecito", il brando di Alex Barbo © Nc

È boom su YouTube per "Suavecito", il brano reggaeton di Alex Barbo, pseudonimo del giovinazzese Alessandro Barbolla, producer e screen play Tommy de Ceglie, prodotto e arrangiato da Pippo Ardimento, Pierluigi Giannini e Massimo Micunco. Il video, nel quale sono presenti anche il comico barese Daniele Condotta e Mariangela Cardone, girato tra Bari e Bitetto per la regia di Lucky Dario, ha raggiunto oltre 6mila visualizzazioni in poco meno di due settimane.

Alessandro, ti immaginavi questo clamore?

«Non avrei mai immaginato di giungere ad un numero simile in pochissimo tempo, essendo "Suavecito" il mio primo inedito. Il brano parla del sogno proibito di un ragazzo, si tratta di un amore preteso con il cuore, la mente ed il fisico che, se non corrisposto, potrebbe condurre persino alla morte».

Raccontaci chi è Alessandro Barbolla.

«Sono un ragazzo di 24 anni, molto determinato, che vuole raggiungere i suoi obiettivi».

Hai già avuto altre esperienze all'interno del panorama artistico?

«Ho partecipato ad alcune manifestazioni locali con varie cover band, quindi con la mia prima composizione posso affermare di aver avviato la prima vera esperienza nel panorama artistico».

Da dove proviene e, soprattutto, quando nasce la passione per la musica?

«La passione per questa meravigliosa arte è con me sin da bambino, infatti da piccolo mi divertivo a canticchiare e così, adesso, ho deciso di intraprendere questa strada».

Hai un cantante preferito oppure una band a cui ti ispiri?

«Il mio cantautore preferito è il colombiano Maluma, al secolo Juan Luis Londono Arias, infatti nelle mie canzoni cerco di ispirarmi proprio a lui».

Come mai hai deciso di cantare in spagnolo?

«Canto in spagnolo perché mi piace la lingua, ma anche perché il genere latino americano si abbina meglio allo spagnolo che all’italiano».

Quali sono i tuoi progetti futuri ed, in particolare, hai un sogno nel cassetto?

«A breve termine c'è l'idea di realizzare un nuovo brano, mentre il sogno più grande è quello di incidere un disco ed esibirmi su un grande palco».

Lascia il tuo commento
commenti