La nota

FoggiaLiberaFoggia, c'è anche la Fidapa

Le sezioni del Distretto Sud-Est della Fidapa presenti alla manifestazione nel capoluogo danno

Giovinazzo venerdì 10 gennaio 2020
di La Redazione
Fidapa
Fidapa © n.c.

Il Distretto Sud-Est della Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) accanto all’ evento del 10 gennaio FoggiaLiberaFoggia, con la concessione del patrocinio gratuito. Ci sarà anche don Luigi Ciotti, il sacerdote di Libera contro le Mafie, a sostenere il corteo promosso dalle Associazioni che si snoderà per chilometri lungo le strade partendo da civico n 27 di via del Candelaio, teatro dell’ultimo omicidio, e le vie principali della città di Foggia, vittima di passati e recenti episodi criminali.

Le due sezioni della Federazione Italiana Donne, Arti Professioni Affari, denominate rispettivamente Foggia e Foggia Capitanata, saranno in prima linea per manifestare e promuovere la presa di coscienza della popolazione che si ribella agli atteggiamenti e agli stili della criminalità organizzata che danno vita a ogni forma di violenza. Alla manifestazione è stato concesso il patrocinio gratuito della Fidapa Bpw Italy Distretto Sud-Est che, con le parole della presidente professoressa Anna Maria Elvira Musacchio, desidera «sostenere la libertà e i diritti individuali dei cittadini foggiani, che in questo periodo stanno subendo attacchi di terrorismo locale. Alla manifestazione di venerdì 10 gennaio parteciperanno con le nostre due Sezioni di Foggia anche numerose Sezioni del Distretto. Riteniamo che sostenere tale iniziativa rientri nelle attività di opinione della prestigiosa Federazione alla quale apparteniamo. Esprimiamo solidarietà alla Sezione di Foggia e alla Sezione di Foggia Capitanata che vivono giornate difficili nella loro città». Alla manifestazione, infatti aderiranno molte sezioni della Puglia con il sostegno morale delle sezioni di Abruzzo, Molise e Basilicata. Una manifestazione coraggiosa, in una città dalle saracinesche abbassate, per una marcia senza colore politico, dove sindaci, amministratori, presidente della Regione, parlamentari, studenti, casalinghe, saranno l’uno accanto all’altro per dire basta.

Il contrasto alla violenza nelle sue subdole forme, è uno degli obiettivi precipui della Fidapa che con le donne e dalla parte delle donne, lotta per il sostegno dei diritti umani in una società cieca e sorda ai richiami delle persone che hanno diritto a reclamare e sollecitare le Istituzioni, nel caso specifico di Foggia, ad aborrire con tutti i mezzi, azioni di gruppi malavitosi incancreniti nel tessuto cittadino, non senza ripercussioni nelle città e nelle regioni limitrofe.

Lascia il tuo commento
commenti