La nota

Crisi del settore della pesca, Carmela Minuto: «Basta con i proclami, Regione inoperosa»

La parlamentare di Forza Italia: «Urgono misure di sostegno al reddito dei pescatori in crisi perché, con i periodi di fermo della pesca ed il blocco dei finanziamenti, i lavoratori e le loro famiglie non possono vivere»

Politica
Giovinazzo giovedì 10 ottobre 2019
di La Redazione
Carmela Minuto interviene sulla crisi del settore pesca
Carmela Minuto interviene sulla crisi del settore pesca © Nc

«Stamattina (martedì, ndr) mi sono fiondata in Regione ed ho insistito per essere ricevuta assieme a una rappresentante dei pescatori. Così è stato! Emiliano però ha tagliato corto ed ha liquidato il discorso pensando di togliere le multe ai pescatori, ritenendo che il problema fosse solo quello relativo alle sanzioni». Comincia così una nota inviata dalla Senatrice di Forza Italia Carmela Minuto riguardante la crisi del settore pesca.

«Per quanto mi riguarda - prosegue Minuto - non è abbastanza. La Regione e lo Stato intanto si attivino con ammortizzatori sociali e con strumenti propri.
La loro protesta contro le normative imposte dalla Comunità Europea circa la grandezza delle maglie delle reti da pesca è legittima. In Puglia si contano oltre 1500 pescherecci e più della metà si occupa di piccola pesca; l’Adriatico è un mare chiuso ed è impensabile attuare restrizioni così dure circa la grandezza delle maglie. Il pescato qui da noi non è uguale al pescato delle nazioni del nord Europa. Non si può semplificare una norma europea sacrificando un settore trainante dell’economia della nostra regione. "Sembra che lo scopo sia farci fallire” ha commentato un pescatore stamane durante le proteste. E come non dargli torto? È veramente diventato un paese in cui è più pericoloso sbarcare un chilo di pesce fuori misura che sostanze stupefacenti».

«Urgono - conclude la parlamentare molfettese - misure di sostegno al reddito dei pescatori in crisi perché, con i periodi di fermo della pesca ed il blocco dei finanziamenti, i lavoratori e le loro famiglie non possono vivere! Intanto, la regione per il tramite del suo presidente non deve starsene con le mani in mano: la Puglia ha speso solo il 30% dei Fondi Europei (Po Feamp) e a fine anno rischia di restituire le somme non spese all’UE per l’ennesima inoperosità del presidente Emiliano. Stigmatizzo alcuni episodi e momenti di tensione che hanno caratterizzato la protesta a Bari, ma resta il disagio economico e sociale della categoria. Mi attiverò personalmente affinché dal governo centrale giungano risposte concrete alle richieste dei pescatori pugliesi».

Lascia il tuo commento
commenti