I dettagli

Ex Afp e Lama Castello, in arrivo un finanziamento regionale

Approvati i fondi regionali per bonifica e messa in sicurezza. Interessati undici comuni per 73 milioni complessivi

Politica
Giovinazzo giovedì 22 novembre 2018
di La Redazione
Le ex Afp
Le ex Afp © Nc

In arrivo un finanziamento regionale per la bonifica di ex Afp e Lama Castello. Con atto dirigenziale n. 279 del 15 novembre scorso, presso il dipartimento Ambiente della Regione Puglia sono stati approvati gli esiti della valutazione degli interventi proposti in tema di "progettazione ed esecuzione di interventi di messa in sicurezza di emergenza e/o misure di prevenzione di siti interessati dalla presenza di sorgenti primarie o secondarie di contaminazione". La notizia è stata diffusa mediante una nota dallo stesso Ente di via Capruzzi.

Si tratta di azioni nell'ambito del Por 2014-2020 finalizzate ad agevolare e sostenere la bonifica, la messa in sicurezza e il recupero di aree inquinate e degradate. Il contributo complessivo di 69 milioni di euro, sulle risorse del patto per la Puglia e del Por, andrà a interessare i seguenti Comuni: Andria, discarica comunale in località San Nicola La Guardia; Cavallino, area ecoballe Masseria Guarini; Gallipoli, ex discarica comunale Madonna delle Grazie; Giovinazzo, ex Acciaierie e Ferrerie Pugliesi area Lama Castello; Leverano, ex discarica comunale Li Pampi; Locorotondo, ex discarica comunale Pasqualone; Manduria, ex discarica comunale Li Cicci - fase 1; Trani, discarica Amiu in località Puro Vecchio; Troia, sito Iao srl, in località Giardinetto; Vieste, ex discarica comunale Landa la Serpe; Zapponeta, ex discarica comunale in località Cacace.

Nella stessa giornata, con delibera n. 280 sono stati approvati gli esiti della valutazione degli interventi riguardo la progettazione e l'esecuzione di interventi "per la messa in sicurezza operativa, permanente e bonifica di aree contaminate, siti industriali dismessi, aree oggetto di discariche abusive e dismesse esercite in forza di ordinanze urgenti", nell'ambito del Por 2014-2020 finalizzato ad agevolare e sostenere il disinquinamento, la essa in sicurezza e il recupero delle aree inquinate e degradate del territorio anche in riferimento ai siti industriali dismessi ed ai siti con situazione di criticità storica. Di fondamentale importanza, in proposito, risulta la presenza tra i due progetti ammessi, di un rilevato nel quartiere Tamburi di Taranto (l'altro sito riguarda l'ex discarica comunale Caramana a Monopoli). Il contributo complessivo è pari a 4 milioni di euro sulle risorse Por.

«La Puglia che vogliamo, che stiamo costruendo giorno dopo giorno deve essere uno dei motori di una nuova epoca anche in materia di tutela dell'Ambiente», commenta l'assessore regionale all'Ambiente Gianni Stea che sottolinea l'azione continua e compatta «dell'attuale amministrazione della Regione Puglia a difesa della ecosostenibilità e della salute dei cittadini lavorando in particolare sulle aree periferiche delle nostre città, spesso occupate oltre che da vecchi siti inquinati, anche da rifiuti abbandonati da persone che non esito a definire ecocriminali. Ed è questo il prossimo fonte che intendo aprire in tempi strettissimi di concerto con i Comuni, le Prefetture e le Forze dell'ordine».

Lascia il tuo commento
commenti