Elezioni 2022

«La nostra città» si dichiara: «se saranno primarie voteremo de Gennaro»

Il movimento di Antonio Galizia fa un passo avanti per la scelta del candidato sindaco di centrosinistra

Politica
Giovinazzo domenica 10 ottobre 2021
di La Redazione
Elezioni amministrative
Elezioni amministrative © n.c.

La politica è sempre in divenire. Le certezze di oggi si possono trasformare nei dubbi di domani e viceversa. In vista delle elezioni amministrative chi sembra non avere dubbi è «La nostra città Giovinazzo» di Antonio Galizia che ha sposato in pieno la causa di Daniele de Gennaro quale candidato sindaco. Già qualche settimana fa aveva dichiarato il proprio fermo appoggio al candidato di Pva, adesso rilancia anche in vista di possibili primarie del centrosinistra.

«La politica – scrive “La nostra città” - è fatta di coinvolgimento e partecipazione. Siamo convinti che se in una coalizione ci sono più nomi di candidati sindaci e ognuno rimane sulla sua scelta è giusto dare voce agli elettori e fare le primarie per individuare il prossimo candidato Sindaco». Se la decisone di ricorrere alle primarie per individuare il candidato sindaco dovesse concretizzarsi, Galizia con il suo movimento continua pubblicamente a dichiararsi a favore dell’esponente si Pva.

«Daniele De Gennaro – si legge nel comunicato - ha svolto in questi ultimi cinque anni un ottimo lavoro di opposizione sollevando problemi seri e a difesa dell'ambiente. Ha lavorato con competenza e passione. Si è dedicato con impegno nonostante la sua attività lavorativa non gli consentiva di sottrarre molto tempo alla professione è stato capace di coniugare con intelligenza e ottimo profitto lavoro e politica. Ha dimostrato con tenacia di avere a cuore i problemi di Giovinazzo e proposto in consiglio comunale le necessarie modifiche e visione di una città che ha bisogno di avere uno sviluppo economico, sociale e culturale». Questi i motivi che inducono il gruppo politico a sostenere de Gennaro.

«Avremmo evitato le primarie – è scritto ancora nella nota - ma vogliamo accogliere la proposta fatta dal Pd e accettata da Primavera Alternativa che per il bene del paese ha ritenuto l'unità della coalizione più importante di tutto. Riportiamo la politica alla partecipazione di tutti e facciamo scegliere il candidato Sindaco agli elettori. La vera democrazia ha bisogno di passaggi chiari e trasparenti». Per «La nostra città Giovinazzo» la partecipazione e la trasparenza sono beni principale e le primarie sono un test di democrazia.

«Daremo piena fiducia a Daniele Gennaro – conclude il documento - e con lui faremo un programma di governo per avere una Giovinazzo migliore sul piano della cura e tutela dell’ambiente e della salute pubblica, la crescita economica, culturale e sociale, l’organizzazione e la messa in sicurezza de territorio, l’ordine pubblico e la sicurezza nelle campagne, il rilancio del turismo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pasquale ha scritto il 10 ottobre 2021 alle 06:30 :

    Considerazione n.2. Il quadro è fin troppo chiaro. Il fresco, onesto e competente entusiasmo del centro sinistra di Primavera, SI è "La nostra città " rischia di essere inquinato dalle vecchie logiche del PD. Occhio Daniele! Sei una risorsa per la nostra città! In bocca al lupo! Rispondi a Pasquale

  • Pasquale ha scritto il 10 ottobre 2021 alle 06:26 :

    Nel decennio a guida Natalicchio il PD di Giovinazzo si è reso responsabile di molte scelte dannose per la città connotate dal perseguimento dell'interesse personale di pochi contro l'interesse pubblico (solo per citarne alcune vedi discarica, zona artigianale, gestione beni pubblici come il ungomare e gli impianti sportivi, mancato sviluppo della città è tante altre). In molti non hanno condiviso e hanno lasciato il partito che ha assunto una connotazione ancor più "diciamo personalistica e affaristica". Poi c'è da considerare il transito di voti dal PD a De Palma all'ultimo ballottaggio testimoniato dal grande numero di voti disgiunti registrati alla prima tornata (consigliere PD e sindaco DePalma). Ora il PD vuole il suo sindaco. Rispondi a Pasquale