Polo Civico

Nasce il «Polo Civico» una formazione politica che guarda alle amministrative del 2022

Migliorare la qualità dei servizi sul territorio e dotare la città di progetti che soddisfino tutte le categorie, dal lavoro alla socialità, gli obiettivi

Politica
Giovinazzo mercoledì 09 giugno 2021
di La Redazione
Il porticciolo di Giovinazzo
Il porticciolo di Giovinazzo © Archivio Mino Ciocia

In vista delle elezioni amministrative del prossimo anno la politica locale muove i propri passi. In questa ottica è nato il «Polo Civico», un movimento politico che raggruppa diverse sigle, «Terre di Giovinazzo», «Sud al centro», «Giovinazzo bene comune», «Insieme per Giovinazzo» e «Giovinazzo che vogliamo». 

«Giovinazzo sta vivendo un momento di grande emergenza sanitaria, sociale ed economica che richiede assunzioni di responsabilità da parte di tutti – si legge in un loro comunicato - Pertanto un gruppo di amici, pur nella diversità di appartenenza, personalità, competenze, dopo vari incontri, ha deciso di realizzare un Polo Civico che possa competere con successo nella prossima tornata elettorale amministrativa». Il gruppo di amici risponde ai nomi di Leone Antonio, Discioscia Teresa, Bonvino Filippo, Cavaliere Alessandro, loro sono i responsabili del «Polo Civico», ma in rappresentanza di un più nutrito gruppo di persone. «Nelle intenzioni dei promotori – si legge nel comunicato - il Polo Civico dovrebbe essere lo strumento idoneo a catturare l’attenzione e quindi il consenso di una vasta area di cittadini che, nell’attuale situazione di disagio, non si sentono rappresentati né vedono adeguatamente tutelati i loro bisogni economici, sociali, umani e culturali dal vigente sistema politico amministrativo giovinazzese e potrebbero essere tentati dal non voto.

Si offre quindi loro una scelta concreta, utile per dare a Giovinazzo un governo capace ed un metodo gestionale vicino alle persone perché tutti si sentano coinvolti nel nuovo progetto di rilancio della nostra comunità. Giovinazzo dovrebbe essere un luogo da viverci e non solo per abitare. Proprio per questo è importante aumentare e migliorare la qualità dei servizi presenti sul territorio, dotare la città di progetti che soddisfino compiutamente le esigenze di tutti coloro che ci vivono.

Dai bambini agli anziani, passando per i giovani, per le famiglie, le imprese, gli artigiani, i commercianti, i professionisti, il settore agricolo senza dimenticare i nostri cuccioli fedeli compagni di vita». Gli obiettivi che il neonato movimento politico si pone partono da una efficiente organizzazione capace in modo capillare di operare sul territorio e che sia in grado di attirare consensi. Partendo da questo è necessario, come si legge nel documento, «formulare un programma amministrativo coerente alle nuove normative, valutare, alla fine del percorso la dimensione del consenso raggiunto, verificare la possibilità che il Polo Civico possa competere autonomamente nelle prossime elezioni amministrative, considerare, infine, l’ipotesi di stringere alleanze con gruppi già operanti sul territorio o che si andranno a formare, purché coerenti con le linee politiche e programmatiche scelte dal Polo Civico.

Lascia il tuo commento
commenti