Recovery Found

Quel 40percento del Recovery Found insufficiente per il Sud

Per la pentastellata Galizia è una occasione preziosa, per Bavaro (SI) è un ennesimo schiaffo per il Sud. Depalma: Si violenta il futuro

Politica
Giovinazzo venerdì 30 aprile 2021
di La Redazione
Recovery Sud
Recovery Sud © n.c.

Lunedì e martedì scorsi il Presidente del Consigli Mario Draghi ha presentato il piano «Next generation» alle due ali del Parlamento italiano con il quale l’Italia si appresta a ricevere i fondi necessari per la ripartenza. Quel Piano nazionale di rinascita e resilienza su cui la rete dei sindaci del «Revocery Sud» aveva auspicato lo stanziamento del 70 percento delle risorse disponibili per allineare il Mezzogiorno d’Italia  all’intera Europa. Un auspicio che a quanto pare è stato disatteso, le risorse postate sono del 40percento, ma che lascia soddisfatta la deputata giovinazzese Francesca Galizia. 

«Per la prima volta in tanti anni – scrive in un comunicato la deputata -  lo Stato italiano avrà un'occasione preziosa che gli consentirà di fare importanti investimenti, a condizione che siano fatti bene e che, dunque, comportino una reale crescita del Paese. Occorre una significativa capacità di spesa delle risorse e, quindi, organizzativa nella gestione di progetti, che dovranno focalizzarsi su sei grandi aree di intervento: transizione verde, trasformazione digitale, crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, coesione sociale e territoriale, salute e resilienza economica, sociale ed istituzionale, politiche per le nuove generazioni». Per quanto riguarda il sud la Galizia e alle minori risorse auspicate, pensa «ad una riforma che può rivelarsi strategica specie nel Sud Italia, quella della pubblica amministrazione, che dovrà necessariamente attrezzarsi di competenze e professionalità altamente qualificate e specializzate nella gestione dei progetti. E in tal senso le amministrazioni locali avranno un ruolo chiave, oltre che uno straordinario impegno (e quindi responsabilità) sul fronte organizzativo e gestionale dei progetti finanziati con le risorse del Recovery. Il governo per poter supportare le amministrazioni ha messo a disposizione degli enti locali una task force, ma centrale sarà la capacità di progettazione e di visione politica degli enti locali». 

Per Nico Bavaro, recentemente eletto nella direzione nazionale di Sinistra Italiana, il Piano nazionale rappresenta «un ennesimo schiaffo per il Sud. Il Piano non ha una visione complessiva, in abito ambientale, del lavoro, della salute. Il Governo si ostina ad affrontare i temi della coesione sociale con le vecchie logiche e le dannose formule del passato. La ministra Mara Carfagna con voce flebile ha annunciato lo stanziamento del 40percentop delle risorse a favore del sud. Peccato però che l’Unione Europea abbia stabilito che il 65percento delle risorse sarebbero dovute essere destinate al meridione d’Italia». 

Deluso dalle dichiarazioni di Draghi anche il sindaco Tommaso Depalma che il 27 aprile scorso ha partecipato alla manifestazione dei sindaci davanti a Palazzo Madama. Per il primo cittadino di Giovinazzo i parlamentari del Sud hanno tradito la causa, «violentandone il futuro».



Lascia il tuo commento
commenti