Settembre mese della cultura

Giornate europee del patrimonio, protagonista il dolmen San Silvestro

Stasera alle 19,30 in scena lo spettacolo "La festa d'Ognissanti"

Cultura
Giovinazzo sabato 22 settembre 2018
di La Redazione
Dolmen San Silvestro
Dolmen San Silvestro © GiovinazzoLive.it

Si intitola "La festa d'Ognissanti", lo spettacolo prodotto dall’associazione Malalingua in scena domani, sabato 22 settembre, alle ore 19,30 a Giovinazzo presso il dolmen San Silvestro, sulla strada provinciale per Terlizzi. Un evento - si legge in una nota - che si inserisce nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, finalizzate a valorizzare i beni del patrimonio nazionale attraverso iniziative culturali che consentano di vivere quei luoghi in modo innovativo e partecipato. Lo spettacolo è promosso da Comune di Giovinazzo e la Sovrintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per la città Metropolitana di Bari, all'interno del cartellone "Settembre mese della cultura".

LO SPETTACOLO Il lavoro teatrale proposto mette in scena un testo scritto da Marco Grossi, che ne firma anche la regia, e Luca Avaliano, e si avvale di una colonna sonora a cura dell’associazione Bassa Musica, Città di Molfetta. Suggestivo palcoscenico naturale, l’area archeologica del dolmen San Silvestro di Giovinazzo, vedrà esibirsi, tra il sacro e il profano, Marianna De Pinto, Antonella Civale, Enzo Toma, Giuseppe Pestillo e gli stessi Avaliano e Grossi. Indossando le vesti dei santi più venerati, irromperanno sulla scena a bordo del loro carrozzone agghindato di luminarie, accompagnati dal suono di una fanfara. Nell’ atmosfera tipica di una festa paesana, annunciati da un improbabile banditore, giungeranno dinnanzi al pubblico per rievocare il loro ricordo, che appare purtroppo sbiadito nella società contemporanea. Lo spettatore, attraverso le loro storie, scoprirà che i Santi sono esseri umani e, come tali, vittime di paure e contraddizioni, ma pur sempre divenuti, a seguito di un intenso travaglio spirituale, modelli da conoscere e seguire. Saranno loro stessi, in prima persona, a raccontare con ironia le loro vite, ciascuno ospitato in una diversa postazione e sarà il pubblico che, di volta in volta, deciderà presso quale luogo deputato recarsi e quale storia ascoltare. Avrà luogo, quindi, fra le testimonianza tangibili di un’epoca passata, uno spettacolo itinerante ed interattivo. Lo spettacolo prodotto da Malalingua è ad ingresso gratuito, per info e prenotazioni rivolgersi al numero 3494037423.


Lascia il tuo commento
commenti