Guardia Costiera

Nessuna tracciabilità, prodotti ittici sequestrati a Giovinazzo dalla Guardia Costiera

Il pesce idoneo al consumo devoluto agli enti caritatevoli del territorio

Cronaca
Giovinazzo mercoledì 18 novembre 2020
di La Redazione
Pesce sequestrato dalla Guardia Costiera
Pesce sequestrato dalla Guardia Costiera © Guardia Costiera

72 chilogrammi di prodotti ittici, tra cui pesce spada, merluzzi, gamberi, mazzancolle, sprovviste della documentazione che ne attestasse la provenienza, sono stati sequestrati dagli uomini dell’Ufficio Locale Marittimo in un punto vendita di Giovinazzo al cui titolare è stata comminata anche una sanzione amministrativa di 1500 euro. L’operazione, condotta dalla Guardia Costiera di Molfetta e Giovinazzo, finalizzata alla repressione degli illeciti in materia di pesca, ha riguardato il controllo in mare dei pescherecci, nei punti di attracco dei natanti e dei venditori al dettaglio. Complessivamente i militari hanno sequestrato 110 chilogrammi di pescato, perché privi di qualsiasi documentazione che riguardasse il giorno e la zona di cattura, oltre alla mancata dichiarazione degli attrezzi utilizzati per la pesca. Parte del prodotto posto sotto sequestro, dichiarato idoneo al consumo umano dai veterinari della Asl Bari, è stato devoluto in beneficenza ad enti caritatevoli operanti sul territorio, mentre quello non idoneo, è stato distrutto.

Lascia il tuo commento
commenti