Criminalità organizzata

Se non è mafia è criminalità organizzata

Giovinazzo compare da anni nei rapporti semestrali della Dia

Cronaca
Giovinazzo mercoledì 01 luglio 2020
di La Redazione
criminalità
criminalità © Nc

Finti incidenti stradali per ricavare soldi dall’assicurazione, le decine di incendi di auto che hanno «riscaldato» Giovinazzo tra il 2017 e il 2018, e per cui fu incriminato un innocente come «merce di scambio». Una rapina confessata da un pentito mentre era ai domiciliari e su cui chi doveva vigilare aveva chiuso gli occhi. E ancora, i tentativi, andati a vuoto, di avvicinare il Procuratore capo di Bari. Sono gli ulteriori particolari che emergono dall’inchiesta a carico dei quattro arrestati del 18 giugno. Un tentativo, quello di avvicinare i vertici della Procura, che lascia intendere che i 4 arrestati sapessero di essere oggetto di indagini. Sono tutti dettagli che emergono dalle dichiarazioni dei pentiti e dalle intercettazioni ambientali che gli inquirenti, la Dia con il Comando provinciale dei Carabinieri, hanno posto in essere durante le indagini cominciate nel 2012. Per qualcuno queste vicende non rispondono all’appellativo di «mafia», ma senz’altro rispondono a una presenza ben radicata della criminalità organizzata a Giovinazzo. Del resto i rapporti semestrali della Dia, la direzione investigativa antimafia, a chiare lettere descrivono la città come luogo sotto l’influenza dei clan baresi. Quali siano le influenze e quali gli «affari » che le famiglie che controllano i quartieri del capoluogo hanno su Giovinazzo, lo riveleranno verosimilmente le indagini con il loro prosieguo. Certamente non si può assolutamente dire che la città sia stata un’isola felice, come tentò di spiegare il Comitato per la salute pubblica in un convegno cittadino a cui erano invitati i vertici provinciali e locali dei Carabinieri e rappresentanti delle istituzioni pubbliche. Era il luglio del 2015, e già allora qualcosa non tornava. Infatti, le indagini che poi, cinque anni, dopo hanno portato agli arresti che conosciamo, erano già in pieno svolgimento.

Lascia il tuo commento
commenti