Furti d'auto

Ennesimo furto d’auto. Bilancio: feriti 2 Carabinieri e il conducente di un mezzo agricolo

A seguito dell’inseguimento di un’auto rubata l’auto dei militari impatta con un mezzo agricolo

Cronaca
Giovinazzo martedì 03 maggio 2022
di La Redazione
Furto d'auto
Furto d'auto © n.c.

Un inseguimento alle prime ore del mattino. Una pattuglia dei Carabinieri cerca di raggiungere e fermare un auto che non si era fermata all’alt dei militari. Le due auto sfrecciano a tutta velocità per le vie di Giovinazzo, ma in piazza Sant’Agostino la radiomobile di militari impatta con un mezzo agricolo finendo su alcuni pannelli pubblicitari posizionati all’angolo della stessa piazza con via Balilla. Bilancio: i due Carabinieri sono rimasti feriti e trasportati in ospedale, al Policlinico, il conducente del mezzo agricolo, è stato accompagnato al Don Tonino Bello di Molfetta, mentre l’auto inseguita, probabilmente rubata poco prima, ha fatto perdere le proprie tracce. Quello dei furti d’auto a Giovinazzo è ormai da tempo una vera emergenza. Nelle stesse ore in cui si è consumato l’incidente tra i militari e presunti ladri d’auto, sarebbero sparite, la notizia è da confermare, altre 5 auto in diverse zone della città. Di furti d’auto si continua a parlare da tempo. Così come si invocano da tempo le telecamere di video sorveglianza nei punti strategici dell’abitato. Telecamere invocate, sempre promesse, visibili anche in qualche zona, ma sono attive? Questa la domanda. L’agro di Giovinazzo, negli ultimi tempi è diventato anche una sorta di garage a cielo aperto. Nelle campagne, nei luoghi meno accessibili e visibili, gli uomini del consorzio Guardie campestri ha più volte ritrovato auto completamente smontate nelle loro parti vitali. E dalle tracce e dai resti ritrovati, si deduce anche che quelle auto non sono state trafugate solo a Giovinazzo, ma in tutto il circondario. Le campagne giovinazzesi come «hub» del mercato parallelo dei pezzi di ricambio? A quanto pare sì. Eppure la politica giovinazzese non parla più di sicurezza, è un tema che appare abbandonato, quasi a voler dire «va tutto bene». Solo qualche giorno fa la «Gazzetta del Mezzogiorno» titolava: «Giovinazzo, si indaga sui furti d’auto seriali» e indicava professionisti del settore gli autori dei furti con squadre addette al «prelievo» dei mezzi, altre squadre in grado i smontarle in breve tempo e poi i trasportatori e i rivenditori compiacenti. Un giro evidentemente conosciuto. No, a Giovinazzo non va tutto bene. I furti d’auto, ma si possono aggiungere anche quelli in appartamento, avvengono anche in pieno giorno. Eppure la sicurezza sembra essere uscita dall’agenda della politica locale.

 

Lascia il tuo commento
commenti