Nessuna regione è in zona gialla al momento

Errore del Ministero segnala Puglia e Umbria in zona gialla. Caos nelle due regioni

Il Ministero: "errore o cyberattacco, in corso verifiche per capirlo"

Cronaca
Giovinazzo mercoledì 04 agosto 2021
di La Redazione
Mascherine
Mascherine © n.c.

"Puglia e Umbria in zona gialla": ma è un falso. Peccato che a dare la notizia del passaggio nella zona con maggiori restrizioni sia stato il ministero della Salute sul proprio sito Internet.

Il direttore generale della Prevenzione, Giovanni Rezza, smentisce: "Non mi risulta, nessuna regione è in zona gialla al momento: Sicilia e Sardegna sono più vicine". I tecnici del ministero sono al lavoro per capire se si sia trattato di un attacco hacker o di un errore. Quel che è certo è che il tam tam ha mandato in tilt gli operatori della ristorazione e quelli turistici dal Gargano al Salento.

Dopo le verifiche di Repubblica, il sito del ministero ha riportato la classificazione delle regioni secondo quanto stabilito dalle regole varate da Palazzo Chigi con il decreto legge di giovedì 22 luglio. Le stesse per le quali per passare dall'area bianca a quella gialla il criterio guida non è più soltanto l'incidenza dei contagi ogni 100mila abitanti, ma (anche) il tasso di occupazione dei posti letto in ospedale.

In particolare - si legge sul sito del governo - ci vogliono tre condizioni. La prima: devono essere accertati almeno 50 positivi ogni 100mila residenti. Poi i reparti Covid di area medica (Malattie infettive, Pneumologia, Medicina interna) devono avere posti letto occupati per il 15 per cento e le Rianimazioni devono essere piene al 10 per cento della capienza.

La Puglia, nonostante il virus abbia ripreso a picchiare da queste parti, è lontana da questi parametri: siamo al 2 per cento per le Terapie intensive e al 3 per cento per gli altri reparti, in base ai dati pubblicati dall'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali). Gli stessi dati registrati in Umbria, dove però l'incidenza del virus è decisamente più alta.

Lascia il tuo commento
commenti