La denuncia

Coldiretti Puglia, c’è la mano dei piromani in 6 roghi su 10

In Puglia si conta già almeno il 40% degli incendi in più rispetto al 2020

Cronaca
Giovinazzo domenica 01 agosto 2021
di La Redazione
Incendi
Incendi © Comitato italiano pro Canne della Battaglia

Si stima che il 60% degli incendi sia causato volontariamente, come nel caso degli altri 200 ettari andati in fumo a Gravina, con le fiamme che hanno interessato anche il bosco Difesa Grande, provocando danni ambientali ed economici ingenti alle aziende agricole.

E' quanto afferma Coldiretti Puglia, che torna a denunciare l'emergenza roghi che in Puglia conta già almeno il 40% degli incendi in più rispetto al 2020. Ai danni diretti all'agricoltura – spiega la Coldiretti regionale - si sommano quelli all'indotto come la raccolta della legna, dei piccoli frutti e dei funghi con un impatto anche sul turismo. Serviranno almeno 15 anni per ricostruire i boschi e la macchia mediterranea distrutti dalle fiamme.

Per ricostituire i boschi ridotti in cenere dal fuoco ci vorranno fino a 15 anni con danni all'ambiente, all'economia, al lavoro e al turismo. Nelle aree bruciate – sottolinea la Coldiretti regionale – saranno impedite anche tutte le attività umane tradizionali e la scoperta del territorio da parte di decine di migliaia di appassionati.

La Coldiretti ha elaborato un decalogo per combattere gli incendi. La prima regola per non causare l'insorgenza di un incendio è quella - afferma la Coldiretti Puglia - di evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via che il fuoco sia spento. Soprattutto nelle campagne - precisa la Coldiretti - non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi. Inoltre - continua la Coldiretti Puglia - non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone di campagna o boscate o in loro prossimità e in particolare, evitare la dispersione nell'ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente.

Nel caso in cui venga avvistato un incendio - consiglia la Coldiretti regionale - non prendere iniziative autonome, ma occorre mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme per informare tempestivamente le autorità responsabili con i numeri di emergenza disponibili. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 02 agosto 2021 alle 16:39 :

    I piromani? Piuttosto cerchiamo i mandanti, quelli che lucreranno poi sui soldi pubblici stanziati per i danni, il ripristino e la prevenzione. Rispondi a Franco