Asl Bari

Covid 19: Diffuso il bollettino settimanale della Asl Bari

La curva è in decisa discesa nella provincia, Giovinazzo con i dati più bassi tra le città limitrofe

Cronaca
Giovinazzo sabato 08 maggio 2021
di La Redazione
Vaccini
Vaccini © Asl Bari

Per la quarta settimana consecutiva la curva del contagio da Covid 19 nella provincia di Bari è in decisa discesa. Lo evidenzia il rapporto settimanale della Asl Bari che fa il punto, per ogni comune, sulla diffusione del virus. E dal quel rapporto si evince che nella settimana tra il 26 aprile e il 2 maggio, i nuovi contagi a Giovinazzo sono stati 22. In leggera crescita rispetto alla settimana precedente (erano 16). L’incidenza calcolata su 100mila abitanti è di 112,7, la scorsa settimana era 82, un numero che comunque il migliore rispetto alle città limitrofe. 

La Puglia però rimane, sono i dati diffusi dal Ministero della Salute a evidenziarlo, sopra la media nazionale per quanto riguarda tutti gli indicatori. A cominciare dall’Rt che è a 0,91 contro lo 0,87 nazionale e dall’incidenza complessiva che è di 167 per 100mila abitanti, contro i 127 casi ogni 100mila abitanti in Italia. Per quanto riguardale ospedalizzazioni, la media nazionale sulle terapie intensive è scesa la 27 percento, sotto la soglia critica. In Puglia invece è vicina ma superiore al 30 percento, quindi in bilico. Per questi motivi secondo l’Istituto Superiore di Sanità, il rischio nella nostra regione è moderato. 

Sul fronte delle vaccinazioni, a Giovinazzo hanno ricevuto la prima dose 7.621 persone. Il ciclo vaccinale lo hanno completato in 1.994. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 09 maggio 2021 alle 06:35 :

    Sì ma andiamo in zona gialla comunque. A dimostrazione che i colori sono scelte politiche che poco hanno a che fare con numeri manipolati a piacimento una volta per chiudere e un'altra per aprire. Rispondi a Franco

  • Maria P. ha scritto il 08 maggio 2021 alle 07:17 :

    Nuova oarola d'ordine: tutto bene signora la marchesa Rispondi a Maria P.