coronavirus

Le folle e il virus: terreno fertile per il Covid

Nonostante gli scettici, gli assembramenti favoriscono il contagio

Attualità
Giovinazzo sabato 01 agosto 2020
di La Redazione
folle di turisti intorno al lago di Braies
folle di turisti intorno al lago di Braies © Facebook

Può sembrare una notizia lontana dalle nostre latitudini, ma nonostante questo dimostra come la virulenza del Covid non si sia per nulla attenuata. In Alto Adige, in un solo giorno sono stati riscontrati 15 nuovi casi di contagio, due dei quali ricoverati in terapia intensiva. Il focolaio principale sarebbe a Sesto Pusteria, in quella valle diventata famosa per la fiction «Un passo dal cielo», con al centro il lago di Braies oggi meta di migliaia di turisti che vogliono visitare le location della fortunata serie televisiva. Proprio tra quelle migliaia di persone, che come testimoniano alcune foto pubblicate sul web, una delle quali riportiamo su questa testata, il virus, magari importato, potrebbe essere circolato, facendo mettere in quarantena il personale di un albergo. L’Alto Adige è lontano ma le immagini di assurdi assembramenti, sono familiari anche da noi. Basti guardare quanto è successo la scorsa sera a Gallipoli, una festa in spiaggia con oltre 2000 persone, molte delle quali non indossavano neanche la mascherina. Oppure nelle serate giovinazzesi. Nei fine settimana soprattutto, nei luoghi della movida, con centinaia di giovani che consumano in riva al mare senza nessuna preoccupazione. È proprio in queste situazioni che il virus prende forza. Nonostante gli scettici. Sono proprio quelle situazioni a dover essere monitorate, per far prevenzione prima di tutto, e se occorre anche con sanzioni.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 01 agosto 2020 alle 22:22 :

    Benissimo, allora naturalmente mi aspetto che in futuro venga comunicato anche numero esatto dei ricoverati "per" Covid e non "con" Covid in modo che i lettori possano avere questo importante indicatore per giudicare. Dire che è "cresciuto" è del tutto generico. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 01 agosto 2020 alle 07:54 :

    Invece di lanciarci tutti in considerazioni virologiche che lasciamo volentieri agli esperti e che sono contrastanti possiamo rilevare che il numero dei ricoveri per Covid in Puglia è zero. Da mesi. Nessuno sta tanto male da essere ricoverato, tanto meno nei 1.500 posti di terapia intensiva che Lopalco ha previsto per la Puglia. Allarmare e da irresponsabili. Rispondi a Franco

    redazione@giovinazzolive.it ha scritto il 01 agosto 2020 alle 08:34 :

    Mi dispiace contraddirla. Ma dopo gli innumerevoli commenti da lei postati a corredo dei nostri report quotidiani sulla diffusione del covid 19, dobbiamo sottolineare che nell'ultima settimana il numero dei ricoverati è cresciuto. Se lei aspetta di vedersi riempire le sale di terapia intensiva è altro discorso. Saluti. Rispondi a redazione@giovinazzolive.it