Diocesi di Molfetta

Don Mimmo Cornacchia in udienza da Papa Francesco

L’incontro ha segnato un significativo passo verso la Canonizzazione di don Tonino

Attualità
Giovinazzo lunedì 29 giugno 2020
di La Redazione
Papa Francesco e don Mimmo Cornacchia
Papa Francesco e don Mimmo Cornacchia © Luce e vita

Il vescovo S.E. Mons. Domenico Cornacchia è stato ricevuto in udienza da Papa Francesco, il 24 giugno scorso. L’incontro è stato organizzato per consegnare al Pontefice, un volume, la «Positio Super Virtutibus» del Servo di Dio Antonio Bello. Lo ha annunciato lo stesso vescovo nel corso dell’omelia per l’ordinazione presbiterale di don Luigi Ziccolella, sabato scorso. Il volume, elaborato dalla Postulazione, la speciale commissione che studia gli atti propedeutici alla Santificazione di Don Tonino, che ha avuto come relatore Relatore don Maurizio Tagliaferri, ecome Postulatore in urbe, mons. Luigi M. De Palma, come vice postulatore padre Alessandro Mastromatteo, presenta in modo articolato ed approfondito tutto l’apparato probatorio documentale e testificale riguardante la vita virtuosa del Servo di Dio. La «Positio», consegnata alla Congregazione per i Santi, sarà anzitutto esaminata dai Consultori Teologi della Congregazione delle Cause dei Santi per essere poi formalmente sottoposta al Papa, il quale potrà decretare la Venerabilità.Primo passo per giungere alla Beatificazione e alla Canonizzazione, dopo che saranno istruiti i processi relativi agli asseriti miracoli. Don Mimmo Cornacchia nell’annunciare la consegna della «Positio Super Virtibus» nelle mani del Pontefice, ha voluto riferire il commento del Papa: Vescovi come don Tonino – ha detto Francesco – dovrebbero essere imitati».

Lascia il tuo commento
commenti