slow medicine

Metanalisi sull'uso di mascherina

La filosofia della medicina slow

Attualità
Giovinazzo giovedì 11 giugno 2020
di La Redazione
Anziano con mascherina
Anziano con mascherina © Fanpage

Slow. È un termine inglese che sta per «lento». Lo abbiamo imparato a conoscere con il movimento che inneggia al vivere bene, alla buona gastronomia, alle buone pratiche quotidiane. Per gustare il cibo per il corpo e per la mente. Slow è un termine entrato anche in medicina. Una filosofia che bada più alla salute che non alla malattia da curare. «Slow medicine» si chiama. E anche in questo lungo periodo legato alla pandemia, questo filone filosofico ha voluto dire la sua. Sull’uso della mascherina in particolare. Piccolo oggetto che stiamo tutti imparando a usare e tenere a portata di mano. E Slow medicine spiega: «In medicina si fa così. Si prova a mettere insieme tutti gli studi su uno stesso argomento e si vede se aumentando la casistica si ottengono risultati più convincenti e più solidi. Questa metodologia si chiama metanalisi. Qui hanno messo insieme 21 studi sull’effetto protettivo delle mascherine nella prevenzione delle infezioni da influenza, SARS e Covid. I risultati sono molto buoni. Le mascherine riducono la probabilità di infezione sia negli operatori sanitari che nella popolazione generale di oltre il 65%. La riduzione è del 45% nell’influenza, del 74% nella SARS e del 96% nel Covid. Insomma meglio usare la mascherina». Un pensiero semplice e lineare, un gesto minimo, quello di indossare la mascherina, che può salvare vite umane.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 14 giugno 2020 alle 16:33 :

    Mi fido più del prof. Zangrillo che ha dichiarato che "clinicamente il virus non esiste più" che di allarmisti improvvisati che non sono medici e che tentano solo di comunicarci le loro psicosi. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 11 giugno 2020 alle 10:43 :

    Lopalco non ci ha ancora spiegato perché un asintomatico deve mettere la mascherina, anche se si trova a distanza di sicurezza. Visto che l'OMS ha dichiarato ieri che gli asintomatici non sono contagiosi. Siamo obbligati a un allarmismo contagioso di cui siamo ostaggi. In assenza di covid la mascherina risulta penosa se non ridicola. Rispondi a Franco

    Pasquale ha scritto il 11 giugno 2020 alle 21:40 :

    https://www.fanpage.it/esteri/asintomatici-non-sono-contagiosi-loms-fa-chiarezza/amp/ https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/06/10/news/gli_asintomatici_contagiano_eccome_se_contagiano-258876175/amp/ Niente di più pericoloso della cattiva informazione. Il capo del ream tecnico dell'OMS ha parlato chiaramente di un fraintendimento delle sue parole. La comunità SCIENTIFICA ha provato chiaramente che gli asintomatici contagiano. Questa pandemia è in primo luogo una catastrofe umana e in secondo luogo economica: l'Italia sta fallendo sotto il peso di altri debiti generati da questa crisi sanitaria. Non è il caso di scherzare. Mettiamo la mascherina, non creiamo assembramenti e proviamo ad evitare una seconda ondata che potrebbe provocare tante altre vittime e farci fallir Rispondi a Pasquale

    Maria P. ha scritto il 14 giugno 2020 alle 12:50 :

    L'allarmismo privo di qualsiasi base scientifica ha un solo scopo, promuovere la vaccinazione di massa. La mascherina va indossata solo quando non è possibile mantenere le distanze. E le "previsioni" sul ritorno del virus a ottobre hanno lo stesso grado di affidabilità della lettura dei tarocchi. Rispondi a Maria P.