coronavirus

Al via la sperimentazione di «immuni»

La Puglia è una delle tre regioni scelte per l’avvio della app

Attualità
Giovinazzo mercoledì 27 maggio 2020
di La Redazione
La app Immuni
La app Immuni © Nc

Pubblicato il codice sorgente, si potrà dare il via alla sperimentazione della app «immuni», il dispositivo da scaricare sul proprio cellulare e che potrà segnalare gli eventuali contatti con persone portatrici di Covid 19. Il simbolo sarà un omino bianco in campo azzurro. Tre le regioni scelte per l’avvio della sperimentazione: la Puglia per il meridione, l’Abruzzo per il centro Italia e la Liguria per il Nord. Anche se in quest’ultima regione, il presidente Giovanni Toti si è detto contrario a questa prima fase della sperimentazione. «I liguri non saranno le cavie del Governo», ha affermato.
La app sarà compatibile sia con la piattaforma IPhone che con Android. «Entro la metà di giugno – ha assicurato il Viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, sarà possibile scaricare sui proprii dispositivi mobili l’applicazione».
Il garante della Privacy, Antonello Soro, dal canto suo, ha dato l’assenso sulla valutazione d’impatto sulla riservatezza delle persona, constatando la volontarietà dell’uso dell’applicazione e l’assenza della geolocalizzazione. Un assenso che dovrebbe fugare ogni dubbio sulla tracciabilità in ogni occasione di chi sceglie di utilizzare «immuni».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 28 maggio 2020 alle 07:53 :

    Ma perché l'app si chiama immuni se riguarda i contagiati? Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 27 maggio 2020 alle 08:11 :

    Non so se ha ancora senso una app a tre mesi dall'epidemia quando non ci sono più nemmeno soggetti da tracciare. Rispondi a Maria P.