La segnalazione dei lettori

Puzza di bruciato invade la città dopo il tramonto. Un cittadino lancia l'allarme

Il fenomeno avviene da alcune settimane. Roghi di rifiuti nelle campagne di Giovinazzo? Pronto un esposto al Sindaco, massima autorità sanitaria. La preoccupazione di Pva: «Chi brucia i rifiuti attenta alla salute dei cittadini»

Attualità
Giovinazzo mercoledì 20 novembre 2019
di La Redazione
Un incendio, immagine di archivio
Un incendio, immagine di archivio © Raffaella Anna Dell’Aere

Puzza di plastica bruciata investe la città al tramonto. È questo l'allarme lanciato da un cittadino giovinazzese attraverso il numero WhatsApp di GiovinazzoLive.it 389.2170180. «Da molto tempo - scrive il cittadino - e in particolare nelle ultime settimane si sente nel nostro paese puzza di fumi di plastica bruciata, spesso è molto forte, altre volte è molto leggera e silente ma persistente. Solitamente si sente la sera, ma a volte anche di giorno, a volte dura poche ore altre anche tutta la giornata a seconda di come i venti spostano i fumi su diverse zone del paese o altrove».

I ROGHI Secondo il giovinazzese il fenomeno, che investe principalmente la parte della città prospiciente la campagna lungo un perimetro piuttosto vasto che va dalla zona delle ex Afp fino alla piscina, potrebbe essere collegato a roghi di rifiuti, un paio dei quali sono stati avvistati sabato scorso da un cavalcavia della 16bis, senza essere però identificati, dallo stesso cittadino. «Ho visto degli incendi ma era ormai il tramonto, ho provato a raggiungerli ma non ci sono riuscito», ha spiegato.

L'ESPOSTO Lo stesso giovinazzese ha diverse volte segnalato il problema alla Polizia Urbana e ai Carabinieri, dai quali si è sentito rispondere che non è l'unico a lamentarsi della puzza di bruciato che invade la città di sera. Ma lui non intende fermarsi: «Ho intenzione - prosegue il giovinazzese - di presentare un esposto al Sindaco, quale massima autorità sanitaria locale, per cercare di fare luce su questo fenomeno. Mi auguro che anche altri cittadini facciano lo stesso oppure sottoscrivano il mio». Intanto qualcosa si sta già muovendo. La Polizia Locale ha girato le segnalazioni all'Arpa perché intervenga a fare dei rilievi. «Sono seriamente preoccupato - conclude il cittadino - per la salute nostra e quella dei nostri figli».

LA PREOCCUPAZIONE DI PVA L'allarme non è caduto nel vuoto ed ha trovato una sponda in PrimaVera Alternativa che sulla propria pagina Facebook ha espresso la propria preoccupazione per quanto sta accadendo: «Chi brucia i rifiuti nelle nostre campagne - scrive il movimento politico -, oltre a rischiare fino a cinque anni di carcere, attenta alla salute dei cittadini e contamina i campi e l'ambiente, perché la diossina sprigionata non perdona! La diossina entra in tutte le forme di vita e uccide! Siamo davvero molto preoccupati perché da molto tempo e in particolare nelle ultime settimane si sente nel nostro paese puzza di fumi di plastica bruciata. Giovinazzo sta già pagando un conto salatissimo per gravissime e complesse criticità ambientali che gravano sulla salute pubblica (discarica, area ex Afp) e non possiamo permetterci che a queste se ne aggiungano altre».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigia Guastamacchia ha scritto il 20 novembre 2019 alle 06:27 :

    È una vergogna spesso si sente puzza di bruciato, dovremmo fare entrare aria pulita è invece siamo costretti a chiudere le finestre per non respirare quell'aria insopportabile e inquinata Rispondi a Luigia Guastamacchia