La nota

Motociclisti indisciplinati, il monito di Tommaso Depalma: «Tolleranza zero»

Ieri elevati 7 verbali dagli agenti di Polizia Locale. Il sindaco: «Parcheggiare le moto sul marciapiede del lungomare è un oltraggio alla bellezza”

Attualità
Giovinazzo lunedì 26 agosto 2019
di La Redazione
Tommaso Depalma
Tommaso Depalma © Nc

«Vorrei ricordare che se esistono le regole per gli automobilisti esistono anche quelle per i motociclisti. E vanno rispettate. Quattro o due ruote non fa differenza, chi sgarra paga». Con queste parole, affidate ad una nota diramata da Palazzo di Città, il sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma, ha dichiarato guerra ai motociclisti indisciplinati.

Nella sola giornata di ieri, domenica 25 agosto, sono stati 7 i verbali elevati dagli agenti della Polizia Locale nei confronti di altrettanti proprietari di motocicli parcheggiati in modo selvaggio sul marciapiede del Lungomare di Ponente di Giovinazzo. L’ordine categorico è partito proprio dal sindaco Depalma che ha chiesto ai suoi agenti la tolleranza zero.

«Vedere motocicli parcheggiati sul marciapiede del nostro lungomare è non solo un’infrazione delle regole, ma anche un oltraggio alla bellezza di quei luoghi - dichiara Depalma -. Per i motocicli, esattamente come per le auto, ci sono gli appositi spazi per parcheggiare. E allora, per quale diamine di motivo, occupare in modo selvaggio quelle che sono le zone riservate esclusivamente ai pedoni? Per quello che mi riguarda ho già chiesto alla Polizia Locale di essere intransigente, il prossimo passo sarà quello di segnalare alla Capitaneria di Porto, sulla quale ricade la competenza, lo scempio che sempre i motociclisti perpetrano a danno degli scogli sui quali parcheggiano le loro motociclette. Poco ci manca che qualcuno pensi di entrare in acqua direttamente sulla moto».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Paolo de novellis ha scritto il 27 agosto 2019 alle 14:24 :

    Il motivo è solo uno: i motocicli sono molto più facili da rubare e statisticamente molto più rubati degli autoveicoli. Quindi invece di vedere sempre ciò che fa comodo (per far cassa va tutto bene), sarebbe più opportuno prevedere aree di parcheggio vigilate dedicate ai motocicli e contrastare le attività criminali dedite al furto dei motoveicoli ampiamente diffuse a Giovinazzo nei mesi estivi come storicamente noto in tutta la provincia. Rispondi a Paolo de novellis

    Franco ha scritto il 28 agosto 2019 alle 18:34 :

    La "tolleranza zero" dei Comuni, con alibi vari, serve soprattutto agli introiti a molti zeri nelle casse. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 27 agosto 2019 alle 08:35 :

    Speriamo si punti a risolvere il problema e non invece unicamente a fare cassa con le multe, come purtroppo avviene in molti Comuni. Rispondi a Franco