L'iniziativa

Eugema, ecco il percorso sensoriale per bambini al parco Gargasole di Bari

Attraverso il piacere dell’esplorazione i piccoli impareranno a conoscere e riconoscere i profumi. Oggi alle 14 l'inaugurazione dello spazio nell'ex Caserma Rossani

Attualità
Giovinazzo domenica 14 aprile 2019
di La Redazione
Il percorso sensoriale nel parco Gargasole
Il percorso sensoriale nel parco Gargasole © Nc

Sarà inaugurato oggi, domenica 14 aprile, alle 16 il percorso sensoriale nel parco Gargasole di Bari (ex Caserma Rossani). Si tratta di un processo di inclusione e socializzazione che ha avuto inizio nel mese di luglio scorso con “Esperienze di Psicomotricità Funzionali e Percorsi sensoriali” tra bambini autoctoni e bambini della minoranza linguistica rom della comunità di Japigia (fascia di età 4-12 anni circa) a cura dell’associazione di volontariato Eugema Onlus che volge il suo sguardo in particolare verso l’esercizio dei diritti umani per l’inclusione sociale e contro le discriminazioni, la mediazione culturale e interculturale nei conflitti sociali emergenti, l’educazione e la formazione come mezzi irrinunciabili della persona umana.

Il percorso didattico sensoriale è stato ideato e costruito per creare uno spazio sicuro all’interno del parco Gargasole, reso fruibile con il lavoro costante da febbraio ad oggi, nel quale i bambini possono camminare lungo un sentiero messo in sicurezza nello spazio pensato e creato a loro misura tra sassi, legno, sabbia, erbe. I bambini attraverso il piacere dell’esplorazione e incontrando i materiali che stimolano la loro curiosità e sensorialità impareranno a conoscere e riconoscere i profumi.

Il naturale completamento tra il percorso sensoriale che si inaugura il 14 aprile e le attività di psicomotricità funzionale già in corso nella stessa area del parco Gargasole, è da ricercare nell’armonizzazione tra mente corpo e ambiente, laddove l’ambiente, rappresenta l’elemento fondamentale attorno al quale si compiono gli aggiustamenti motori dei bambini coinvolti vengono riconosciute le difficoltà, gli ostacoli che incontrano e si tracciano nuovi itinerari per integrare le abilità, gli interessi e le motivazioni.

Il bambino potrà in tal modo dare risposte idonee negli apprendimenti, emergerà in lui la curiosità, il desiderio di agire correttamente, trovare gratificazione, giusta motivazione, integrazione sociale e riuscire con successo, scelta pedagogica che va a collocarsi nel più ampio progetto innovativo di rigenerazione urbana nell’ex caserma Rossani.

Lascia il tuo commento
commenti