L'iniziativa

L'incredibile storia del federalismo fiscale nel meridione, Marco Esposito presenta "Zero al Sud"

Insieme all'autore interverranno il sindaco Giovinazzo Depalma, il vice Sollecito e in collegamento il Governatore Emiliano. Appuntamento alle 17 domenica 17 marzo

Attualità
Giovinazzo venerdì 15 marzo 2019
di La Redazione
Federalismo fiscale, la presentazione di
Federalismo fiscale, la presentazione di "Zero al Sud" © Nc

Si intitola "Zero al Sud, la storia incredibile e vera dell'attuazione perversa del federalismo fiscale al sud", il libro del giornalista Marco Esposito che sarà presentato domenica 17 marzo alle 17 in sala San Felice. Il volume, edito da Rubettino, svela il sistema perverso del federalismo fiscale e del calcolo dei "fabbisogni" che inevitabilmente penalizza il Sud comportando una riduzione del Fondo di Solidarietà Comunale. Accanto all'autore sono previsti gli interventi del sindaco Tommaso Depalma, dell'assessore Michele Sollecito e in collegamento esterno anche del Governatore Michele Emiliano.

IL LIBRO Per quindici decenni si è discusso della Questione Meridionale. Ma con il federalismo fiscale il quadro è cambiato. Lo Stato ha misurato, Comune per Comune, fabbisogni, costi e servizi con l’obiettivo di attribuire a ciascun territorio le risorse corrette. I conteggi hanno dato un risultato inatteso: si pensava di far emergere la cattiva spesa del Sud e ci si è trovati davanti al dettaglio del profondo divario tra le Due Italie. L’uguaglianza ha un costo miliardario e così si è imboccata la scorciatoia di piegare le regole in modo da attribuire al Sud meno diritti e meno soldi. Lo Stato invece di costruire gli asili nido o i binari dove mancano ha stabilito che, nei territori di tipo “B”, il fabbisogno è zero. Ha dimezzato la perequazione dove la Costituzione garantiva che fosse “integrale”. Si è aperta la strada al federalismo differenziato, con maggiori autonomie, risorse e diritti nelle Regioni ricche. Il saggio offre gli elementi per aprire, finalmente, il dibattito pubblico.

Lascia il tuo commento
commenti