Il disappunto

Coldiretti: «Il Decreto sulle emergenze in agricoltura è una scatola vuota»

La copertura delle spese sostenute da imprese olivicole, agrumicole e del settore ovicaprino per gli interessi sui mutui bancari non è proporzionale all’effettivo costo. Oggi manifestazione a Lecce​

Attualità
Giovinazzo lunedì 11 marzo 2019
di La Redazione
Savino Muraglia
Savino Muraglia © n.c.

«Il Decreto sulle emergenze in agricoltura è una scatola vuota che abbandona a se stessa per l’ennesima volta l’area infetta da Xylella, l’intera provincia di Lecce e parte delle province di Brindisi e Taranto, come se dovesse morire definitivamente di burocrazia, senza alcuna possibilità di una rigenerazione del patrimonio olivicolo», è il commento del presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, nel commentare il Decreto legge varato dal Consiglio dei Ministri su proposta del ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio. A fronte di un crack da oltre un miliardo di euro causato dalle gelate al settore olivicolo, non sono destinate risorse specifiche e i pochi milioni disponibili – sottolinea la Coldiretti - devono essere spartiti con le altre emergenze sulle quali interviene il fondo di solidarietà.

La prima manifestazione oggi, sabato 9 marzo, a Lecce, quando un corteo, guidato da Coldiretti e Unaprol, a cui si potranno aggregare tutti coloro i quali non accettano che il Salento venga ritenuto morto per colpa della Xylella e della burocrazia, partirà alle 9 dal Foro Boario di Lecce fino ad arrivare alle 10 in Piazza Sant’Oronzo, dove si incontreranno migliaia di agricoltori, frantoiani, vivaisti e rappresentanti della società civile che incontreranno esponenti istituzionali.

«Non viene affrontato il dramma degli agricoltori colpiti da Xylella – incalza Muraglia - che non sanno come comportarsi per realizzare nuovi impianti resistenti e tornare a lavorare e produrre per mantenere le proprie famiglie e vengono dati spiccioli per una rigenerazione che non si sa come può avvenire».

La copertura delle spese sostenute dalle imprese olivicole, agrumicole e del settore ovicaprino per gli interessi sui mutui bancari, prevista dal Decreto legge, non è proporzionale all’effettivo costo, ma viene assegnato un identico ammontare, sminuendo di fatto – sostiene la Coldiretti - l’efficacia della misura. «Facciamo appello ai parlamentari affinché nella discussione in Aula per la conversione in legge vengano previste le necessarie modifiche e integrazioni in termini di risorse e contenuti», conclude il presidente Muraglia.

Lascia il tuo commento
commenti