Ordinanza sindacale

Novità per le utenze domestiche e non domestiche per il conferimento dei rifiuti

Per l’indifferenziato in arrivo buste trasparenti. Le attività commerciali dovranno dotarsi di eco box

Attualità
Giovinazzo mercoledì 12 gennaio 2022
di La Redazione
Raccolta differenziata
Raccolta differenziata © n.c.

Dal prossimo 17 gennaio la raccolta differenziata porta a porta cambia, ma non molto. Cambia solo in alcuni dettagli che però possono rivelarsi sostanziali per abbattere ancora di più la quantità dei rifiuti destinati alle discariche, in particolare l’indifferenziato. La nuova ordinanza del sindaco Tommaso Depalma, firmato lo scorso 5 gennaio, si rivolge sia alle utenze domestiche che agli esercizi commerciali. Nel primo caso prevede la distribuzione di un opuscolo informativo e illustrato che spiegherà le nuove modalità di conferimento dei rifiuti e i rischi sanzionatori previsti per le trasgressioni. La vera novità riguarda la distribuzione di sacchetti trasparenti per il conferimento del rifiuto indifferenziato. Saranno buste trasparenti per dare così modo agli addetti e agli uomini della polizia locale di poter verificare a prima vista la regolarità del contenuto. I sacchetti saranno distribuiti dal CCR, il centro di raccolta comunale, in kit che dovrebbero bastare per un anno intero. Ovviamente i primi giorni, per dar modo ai cittadini di abituarsi al nuovo sistema, saranno considerati di rodaggio. Non mancheranno i controlli, ma con tolleranza verso chi non conferisce correttamente i propri rifiuti. L’ordinanza del sindaco che si rivolge alle attività commerciali, riguarda essenzialmente bar, ristoranti e pizzerie. Le attività che per ragioni di spazio sono costrette a lasciare i contenitori carrellati sul suolo pubblico, dovranno realizzare a proprie spese degli eco box, che oltre a mascherare i contenitori, dovranno essere inaccessibili a terzi. Inoltre i contenitori dovranno essere vicini all’attività commerciale, nel rispetto del codice della strada e previo pagamento dell’occupazione del suolo pubblico. «Non vuole essere un inasprimento verso i cittadini – ha affermato il sindaco - ma un miglioramento di un sistema che funziona già abbastanza bene che semplicemente necessitava di una ulteriore rimodulazione per perfezionare alcuni elementi critici venuti alla luce in questi quasi 5 anni di servizio. Ora sarà importante adeguarsi alle nuove regole, l’intento comune è quello di migliorare un servizio che per noi resta fondamentale. Dare decoro alla città e gestire bene il settore dei rifiuti rientrano tra quelle evidenze che più qualificano una comunità».

Lascia il tuo commento
commenti