Comunicato stampa

A Giovinazzo nuovo tratto di pista ciclabile

L’intervento avrà il costo di circa 40.000 euro

Attualità
Giovinazzo mercoledì 08 settembre 2021
di La Redazione
Nuovo tratto di pista ciclabile
Nuovo tratto di pista ciclabile © n.c.

Partirà a brevissimo l’intervento che prevede la realizzazione del nuovo tratto di pista ciclabile che parte dall’impianto di sollevamento sito nei pressi del porticciolo storico sino al mattatoio comunale. 

L’intervento, dal costo di circa 40.000 euro, vedrà la posa in opera di cordoli in cemento come previsti dalla norma. La ciclabile ha avuto l’avallo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Bari e della Capitaneria di Porto. 

“ L’intervento che andiamo a fare permetterà di mettere in sicurezza un ulteriore tratto di lungomare che si congiungerà con il tempo alla futura ciclabile Giovinazzo-Molfetta”- dichiara il sindaco Tommaso Depalma- “ Il tutto consentirà di eliminare un altro cattivo costume e cioè quello di parcheggiare le auto su una pista dedicata alla circolazione delle bici”. 

“ Dopo l’efficientamento dell’impianto luci che sarà completato su tutti e due i lungomari, e dopo l’intervento sulle balaustre, continua incessantemente la riqualificazione dei nostri lungomari”- è invece il commento dell’assessore ai Lavori Pubblici, Gaetano Depalo- “ Interventi mirati per rendere la nostra città sempre più funzionale e fruibile”. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Aldo Carrieri ha scritto il 12 settembre 2021 alle 07:56 :

    E' incredibile! leggo su giovinazzoviva di ieri, nell'articolo sull'arredo urbano, che i danni provocati alle piste ciclabili vengono addebitati ai conducenti che non sanno guidare e non agli errori madornali commessi nella loro costruzione. Il conducente, poi, è anche bollato come "incivile". Chiedo solo se gli inventori hanno mai provato a far entrare in corso P. Amedeo il camion della spazzatura o del latte, con un auto parcheggiata nell'area per disabili o se sanno che i veicoli industriali hanno la larghezza massima di 2,60 m più gli specchietti o se hanno provato mai a parcheggiare in uno spazio ristretto a sinistra senza buttare gù gli inciampi. E' comunque bene far notare a chi di dovere che non è ammessa la sosta entro 6 m dall'incrocio e quindi lo spazio per disabili è illegale. Rispondi a Aldo Carrieri

  • Maria P. ha scritto il 09 settembre 2021 alle 09:01 :

    40 mila euro per poche centinaia di metri. Un autentico spreco di denaro pubblico. Ma le piste ciclabili sono asfaltate di materiale aureo? Rispondi a Maria P.

    Aldo Carrieri ha scritto il 10 settembre 2021 alle 08:47 :

    Premesso che malignare è sempre peccato, concordando con la signora Maria P., faccio inoltre notare che Giovinazzo è entrata nel periodo preelettorare, quando si tagliano i nastri e tutto deve avere risonanza. Sarebbe troppo banale e silenzioso ridipingere le strisce gialle e dire ai vigili di elevare anche le multe sulla pista ciclabile, oltre che a controllare le cacche dei cani. Politicamente non poteva essere scelto periodo migliore per fare questa operazione perchè ora si smontano le baracche e le staccionate e si fa la costosissima pista; si taglia il nastro e tutto resterà morto fino alle elezioni. Il caos della prossima estate non interessa! Rispondi a Aldo Carrieri

  • Aldo Carrieri ha scritto il 08 settembre 2021 alle 08:38 :

    E quindi siamo alle solite! Alla fine paga solo il cittadino, quello che Totò chiamava "pantalone"; siccome non si può o non si vuole controllare, si mettono i divieti. O meglio, pochi giorni fa c'è stata l'aggressione ai vigili urbani e, siccome "malignare è peccato ... ", viene da pensare che, non avendo il coraggio di multare i selvaggi e non avendo la voglia di multare la gente di "peso" (parenti, amici o possibili votanti), si pensa bene di colpire "a muzz" La conseguenza di questo è che il cittadino pagherà 40.000 euro ma si continuerà ad avere i dehors, le piante, con i bidoni della spazzatura, i gipponi accanto per non farseli fregare e, in più, i savoiardi per ciclisti. L'opposizione sta a guardare dietro la persiana perchè, spingere sulle multe, sarebbe impopolare. Rispondi a Aldo Carrieri