Piano parcheggi

Caos parcheggi: multe ai residenti e mancato riconoscimento delle auto elettriche

Lo sfogo dei cittadini giovinazzesi che sottolineano i paradossi delle aree blu

Attualità
Giovinazzo sabato 03 luglio 2021
di La Redazione
sosta a pagamento
sosta a pagamento © n.c.

«Questo scellerato piano dei parcheggi». E’ una affermazione che arriva non da una forza politica di opposizione ma, all’unisono, da alcuni cittadini automobilisti, residenti nelle zone blu o a ridosso di esse, che lamentano disagi a non finire. 

C’è chi è proprietario di un immobile in zona B, una zona in cui non è previsto alcun pass, nonostante negli anni scorsi fosse stato regolarmente concesso. C’è anche chi, nonostante sia titolare di un pass, pagato 18 euro, si è visto recapitare un paio di multe, oppure è costretto a pagare il grattino, dopo una giornata di lavoro, per non aver trovato posto nella sua zona. Disagi alimentati anche dal ribalzo di responsabilità tra l’ufficio della Polizia Locale e l’Abaco, l’agenzia che gestisce i parcheggi a pagamento, che dice di attenersi alle delibere comunali. 

Disagi alimentati ancora dalle mancate risposte a quei cittadini che hanno inviato diverse mail alla casella di posta elettronica del sindaco. Insomma, se il piano parcheggi è stato varato per agevolare le attività commerciali, a quanto pare si sta rilevando vessatorio per i residenti delle zone centrali della città. Tutto questo unito «all’arroganza degli impiegati Abato» come denuncia uno dei cittadini, per così dire disorientato dal piano del traffico e dei parcheggi. La soluzione? La propongono gli stessi residenti: una ztl a loro riservata. 

Ma di paradossi il piano parcheggi ne propone altri. Riguardano le auto elettriche o ibride. Sono ancora i cittadini giovinazzesi a parlare. «Per lo Stato italiano – questa la testimonianza raccolta – le auto elettriche ibride, sono esenti da bollo perché considerate a risparmio energetico. In Italia, a Giovinazzo no. Quindi quelle auto non possono ottenere il pass per parcheggiare ovunque come indicato nella delibera pubblicata. La Abaco non le riconosce, perché non espressamente indicato in delibera, lo Stato Italiano sì. Se non è un paradosso questo».

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Aldo Carrieri ha scritto il 03 luglio 2021 alle 09:31 :

    Vorrei far notare che la Abaco spa ha gli uffici di Giovinazzo in un garage con tanto di passo carrabile numerato, rilasciato dal comune di giovinazzo; similmente, il partito politico, di cui non ricordo il nome, ha anch'esso l'ufficio in un garage con tanto di cartello di passo carrabile autorizzato. Mi astengo dall'evidenziare anche tutte le altre attività commerciali che sono sitemate in garage autorizzati. Questa, per me, la dice lunga sulla volontà di praticare la tanta onestà ed osservanza delle leggi sbandierata sempre a destra e a manca, fino ad essere nauseante. Questa la dice lunga anche sulla volontà degli organi di controllo locali a stanare gli illeciti perchè potrebbe sollevare un vespaio. Rispondi a Aldo Carrieri

  • Franco ha scritto il 03 luglio 2021 alle 07:17 :

    Per la serie quando il Comune vuole fare cassa con le multe. E i Prefetti stanno a guardare. Rispondi a Franco

    aldo.carrieri ha scritto il 04 luglio 2021 alle 08:09 :

    Purtroppo fa molto comodo, alla amministrazioneg delegare questo servizio ad aziende non certificate e munite di personale non qualificato ed informato. In questo modo si vessa il cittadino con multe a vanvera, non si è responsabili e soprattutto difficilmente le multe vengono contestate perchè i costi superano i benefici. Per fare un esempio, ho pagatu una multa fatta per divieto di sosta nella zona blu durante i lavori di sbancamento di via Cappuccini. Il codice della strada dice che il posteggio a pagamento è nelle strisce blu ma, se la strada è sbancata, dove stanno le strisce blu che delimitano i posti? Mi astengo dal dire che nel biglietto c'era solo uno scarabocchio per dire l'ora ed uno scarabocchio per dire la via ed il civico. Vessati! vessati! vessati! Rispondi a aldo.carrieri