Attualità
«La sua partecipazione alla gara canora dovremmo leggerla come una legittimazione di un modo di guardare all’universo femminile con uno sguardo violento e di sopraffazione»