Dr. Francesco Catalano Chirurgia plastica Chirurgo plastico Leggi tutti gli articoli

Il Dottor Francesco Catalano è Dirigente Medico di I Livello presso l’U.O. di  Chirurgia Plastica del P.O. di Terlizzi – ASL Bari con incarico a tempo indeterminato.

Si laurea nel luglio 1989 in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Bari. Nel dicembre 1989 consegue l'abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo presso l’Università degli Studi di Bari. Nello stesso anno ottiene la Borsa di studio Fondazione "Prof. Giuseppe Marinaccio".

Dal 10/01/1990 è iscritto all’Albo dei Medici Chirurghi della Provincia di Bari.

Il 10/12/1991 si iscrive all'Albo degli Odontoiatri della Provincia di Bari.

Nel dicembre 1994 si specializza in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica.

Dal 1990 al 1997 è stato autore di 23 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali.
       
Nella sua carriera ha partecipato in qualità di uditore ad oltre 200 congressi nazionali ed internazionali con attestato di partecipazione, mentre ha svolto attività di relatore in 50 .

Dal 1991 al 2015 ha svolto attività di relatore a 50 congressi nazionali ed internazionali.

Via Armando Diaz, 82 – 70037 Ruvo di Puglia

Telefono 0803601972

Gli ultimi articoli di Dr. Francesco CatalanoVedi tutti

Pelle più giovane e tonica con il laser CO2

Chirurgo plastico
lun 14 novembre
Questa terapia ha mandato in soffitta il bisturi in diversi campi d’intervento grazie alla sua precisione e selettività assoluta, garantendo una guarigione pressoché immediata

Addio al grasso in eccesso con la lipocavitazione

Chirurgo plastico
lun 7 novembre
Una terapia molto efficace, soprattutto se il paziente mantiene uno stile di vita sano e segue una dieta equilibrata

Ridurre le rughe senza alcun rischio con la radiofrequenza

Chirurgo plastico
lun 31 ottobre
Una metodica che non presenta alcuna controindicazione, poiché priva di effetti collaterali e del tutto esente da rischi.

Le ulcere vascolari arteriose

Chirurgo plastico
gio 4 febbraio
A differenza delle ulcere venose, nella medicazione il bendaggio dovrà essere utilizzato con molta cautela ed a basse pressioni poiché la pressione esercitata dall’esterno può risultare controproducente
Altri articoli
Gli articoli più letti