La nota

PrimaVera Alternativa replica a Depalma: «Show penoso»

La risposta agli attacchi di Depalma durante le comunicazioni del Sindaco di domenica scorsa

Politica
Giovinazzo giovedì 14 giugno 2018
di La Redazione
PrimaVera Alternativa, sede
PrimaVera Alternativa, sede © Facebook

«Un comiziaccio di quart'ordine». «Una piazza vuota e disinteressata». È questo il giudizio di PrimaVera Alternativa, contenuto in una nota, in merito alle affermazioni di Tommaso Depalma durante l'appuntamento con le comunicazioni del Sindaco di domenica scorsa. Depalma infatti aveva più volte attaccato il movimento del presidente Girolamo Capurso. Un «mix di offese e cattiverie, intervallate per fortuna da esilaranti Balle Spaziali», afferma PrimaVera Alternativa, che nella vicenda tira in ballo anche gli assessori Michele Sollecito («Di fronte a cotanto penoso squallore, non mostra alcun distinguo») e Anna Vacca («Chiamata al banco dei relatori, ma privata del suo sacrosanto diritto di parola»).

L'AUTO COMUNALE «Per non parlare - prosegue la nota di Pva - delle dichiarazioni sull’utilizzo improprio dell’auto della Protezione Civile, giustificato, a dire del Sindaco, con un impegno istituzionale successivo al comizio di Casamassima (alle 21:30 di venerdì sera?)». Sulla vicenda nei giorni scorsi era intervenuta nei giorni scorsi anche Sinistra Italiana che con su Facebook aveva risposto alle affermazioni del Sindaco su Nichi Vendola, che a a detta del primo cittadino, nel 2007 si era recato a Giovinazzo con l'auto blu e la scorta per partecipare ai comizi elettorali. «Spieghiamo una cosa semplice semplice al Sindaco - scrive il partito del segretario Tommi Bonvino -, che non sa come funzionano le istituzioni: a Vendola venne assegnata la scorta dopo il suo lavoro da vice Presidente della Commissione Antimafia, a seguito di sue denunce e di minacce subite dalle organizzazioni mafiose (compreso un allarme bomba a Foggia prima di un suo comizio, anni fa). La scorta non è una scelta. È imposta dal Ministero dell’Interno, quando sussistono pericoli per la persona, sulla base di informative delle forze dell’ordine e degli organismi inquirenti. Non scegli se averla o no, né se rinunciarci, e ti accompagna sempre e ovunque».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • dario albrizio ha scritto il 14 giugno 2018 alle 09:14 :

    è il sosia di mattero renzi tante parole,un bravo predicatore Rispondi a dario albrizio