La vicenda

«I sacchetti gialli a Cola Olidda? C'erano già da sabato mattina»

La segnalazione di un cittadino. Intanto cresce lo sdegno dei cittadini. Depalma: «Dobbiamo perseguire queste bestie»

Attualità
Giovinazzo mercoledì 15 novembre 2017
di La Redazione
Sacchetti immondizia nei pressi di Cola Olidda
Sacchetti immondizia nei pressi di Cola Olidda © Nc

«I sacchetti gialli allo svincolo di Cola Olidda c'erano già da sabato mattina alle 8,30». Lo afferma un cittadino giovinazzese che ha inviato una foto al numero WhatsApp 3892170180 di GiovinazzoLive.it in cui sono ritratte due buste di rifiuti ed una bottiglia di vetro proprio nei pressi dell'area vicina all'uscita della statale 16bis. Il riferimento è alla notizia di ieri nella quale era evidenziata la presenza di immondizia nella zona poco dopo l'intervento di pulizia della Del Fiume, eseguito venerdì scorso. Ebbene, stando alla segnalazione del lettore, sarebbero trascorse soltanto poche ore tra la rimozione dei rifiuti e il deposito di altri.

LO SDEGNO Questo fatto però non ha lasciato indifferenti i giovinazzesi. Sono molti i commenti scritti sui social network da parte di cittadini indignati, con in testa il sindaco Tommaso Depalma, che ha definito i protagonisti di questo episodio delle «bestie». «Noi ci sforziamo di fare la nostra parte, mettendoci tutte le cure possibili per tenere in ordine la città, ma contro questa brutale cattiveria verso il territorio ti cascano le braccia e ti assale lo sconforto» ha aggiunto Depalma, lanciando un monito ai trasgressori: «Non cederemo di un millimetro e continueremo a fare la nostra parte per intero e se possibile chiedo a tutti i cittadini per bene di starci vicino e segnalarci comportamenti vergognosi, magari in maniera circostanziata». Sdegno e rabbia sono il comune denominatore dei messaggi degli altri cittadini: «Non se non può più... gente incivile», scrive Adelia; «È una vergogna», le fa eco Iolanda. Altri invece hanno chiesto maggiori controlli e più telecamere, ma è interessante il punto di vista di Angelica che si chiede: «Perché andare fino lì a buttare la spazzatura è più facile fare la raccolta differenziata... Voglio entrare nel loro cervello».

I RAID NOTTURNI In realtà scaricare abusivamente la propria immondizia non è un lavoro per niente facile. Per sfuggire ai controlli di polizia locale e delle fototrappole sembra che qualcuno si aggiri nottetempo in cerca dei bidoncini altrui esposti fuori dalle abitazioni. Sono arrivate alcune segnalazioni alla polizia locale di utenti che trovano per caso nei propri contenitori immondizia messa da chissà chi. Una situazione che sarebbe testimoniata anche da un cartello esposto da un supermercato cittadino che invita ad evitare di servirsi dei loro bidoni per buttare l'immondizia. Insomma gente che si prende la briga di uscire di notte o all'alba per compiere queste operazioni e che vive con l'ansia di trovare un nuovo stratagemma, sempre se non arriva qualcuno (come è successo) a presentare loro il conto. Forse, come dice Angelica, basterebbe un minimo di ragionamento per capire che è più facile differenziare. La ragione appunto, questa sconosciuta.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette