La graduatoria

Gal "Nuovo Fior d'Olivi", in arrivo 4,3 milioni di euro dalla Regione

Pubblicata la graduatoria con i 23 soggetti ammessi a finanziamento. Di Gioia: «Dotazione da utilizzare per valorizzare le risorse locali e sviluppare le attività produttive»

Attualità
Giovinazzo sabato 16 settembre 2017
di La Redazione
La mappa del nuovo Gal Fior d'Olivi
La mappa del nuovo Gal Fior d'Olivi © n.c.

La Regione Puglia ha pubblicato la graduatoria delle Strategie di sviluppo locale, proposte dai Gruppi di azione locale della Puglia, previsti dalle sottomisure 19.2 e 19.4 del programma di sviluppo rurale della Puglia 2014-2020. Il Gal "Nuovo Fior d'Olivi",che raggruppa i territori dei comuni di Giovinazzo, Bitonto, Terlizzi, Palo del Colle, Binetto, Grumo Appula e Modugno è stato finanziato con 4,3 milioni di euro.

«Sono 23 i Gal finanziati che hanno proposto progetti per lo sviluppo dei territori rurali e costieri, - spiega l'assessore alle risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia in una nota diffusa sul sito web della Regione -. Ai Gal pugliesi è affidata una dotazione finanziaria di 161 milioni di euro possono che può essere utilizzata per attuare strategie di valorizzazione delle risorse locali e di sviluppo delle attività produttive, nell'ottica della sostenibilità ambientale, economica e sociale».

I Gal presto al lavoro - «Presto i Gal - prosegue Di Gioia - dovranno siglare le convenzioni per avviare le procedure per lavorare in piena autonomia. La valutazione, affidata a un Comitato tecnico regionale intersettoriale, e la successiva graduatoria è risultata particolarmente impegnativa ma è servita per garantire la costituzione di strutture a forte vocazione partecipativa, con equo coinvolgimento di soggetti pubblici e privati, e idonee ad essere vere e proprie agenzie di sviluppo».

«I Gal attivati - conclude l'assessore regionale - saranno un utile strumento di crescita e valorizzazione dei territori proponendosi come reti attive di soggetti radicati nella comunità capaci di intercettare i bisogni dei territori e intervenire nel miglioramento dell'offerta locale di beni e servizi. Con l'obiettivo ultimo di creare economie e consegnare nel medio lungo periodo una Regione sviluppata e competitiva».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette