La nota

L'Osservatorio chiede di non erigere il monumento al Tornado previsto sul lungomare

Il messaggio diffuso nella lettera di auguri in occasione delle feste di Pasqua

Attualità
Giovinazzo martedì 18 aprile 2017
di La Redazione
Il futuro piazzale Aeronautica Militare © Comune di Giovinazzo

«Non possiamo tacere se i governanti della nostra città [...] decidono di porre sul lungomare un monumento dell’aereo Tornado che è un aereo ricognitore ma anche sgancia bombe. Non possiamo parlare di Pace educando al mito delle armi e della guerra! Non nella terra del profeta della Pace e non violenza, don Tonino Bello, che per la Puglia sognava un destino di Arca di Pace e non arco di guerra nel Mediterraneo. Altre sono le priorità della gente comune».

È probabilmente questo il nocciolo del messaggio inviato in occasione delle festività di Pasqua da parte dell'Osservatorio per la legalità e la difesa del bene comune. Nella lettera, che evidenzia le ragioni della pace tra i popoli citando alcuni passaggi dei messaggi rivolti da Papa Francesco in occasione della giornata mondiale della pace e della Via Crucis, l'osservatorio ribadisce la richiesta di «non erigere alcun monumento a strumenti di morte».

Il riferimento è alla deriva del Tornado pilotato dal generale giovinazzese Francesco Vestito, precipitato nel 1995 al largo delle coste della Calabria. L'amministrazione comunale ha infatti reso noto lo scorso marzo di voler installare una parte del caccia in quello che sarà il futuro piazzale Aeronautica militare al termine del lungomare di levante.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette